Radio

SoftAir NEWS

REPARTI SPECIALI USA: UNITED STATES ARMY SPECIAL FORCES

Andare in basso

REPARTI SPECIALI USA: UNITED STATES ARMY SPECIAL FORCES

Messaggio  Ultimo il Lun Gen 11, 2010 8:42 pm

Attiva 1952 - oggi
Nazione Stati Uniti
Tipo Forze Speciali
Ruolo Lotta al terrorismo, guerriglia, attività speciali, ricognizione speciale, guerra non convenzionale, azione diretta.
Dimensione sette gruppi di FS, ognuno organizzato a livello di reggimento
Parte di United States Army Special Operations Command
United States Special Operations Command
Soprannome Berretti Verdi
Motto De Oppresso Liber (Per Liberare l'Oppresso)
Battaglie/guerre Guerra del Vietnam
Operazione Urgent Fury
Operazione Just Cause
Guerra del Golfo
Operazione Enduring Freedom
Guerra d'Iraq
Le United States Army Special Forces, Forze Speciali dell'Esercito degli Stati Uniti, sono una forza speciale dell'US Army, l'esercito statunitense. Meglio note con il soprannome di Berretti verdi sono addestrate per la guerra non convenzionale e le operazioni speciali. Le Forze Speciali furono fondate da Aaron Bank ed il loro copricapo ufficiale è il berretto verde, derivato da un contributo di un giovane ufficiale, Edson Raff.
Il loro motto ufficiale è De Oppresso Liber ("Per Liberare l'Oppresso"), un riferimento a una delle loro missioni principali: addestrare e assistere le forze locali straniere alleate.
Le unità delle Special Forces hanno cinque specifici compiti:
Guerra non convenzionale
Difesa straniera e interna
Ricognizioni speciali
Azioni dirette
Combattere il terrorismo
Altri compiti includono: guerra di coalizione e appoggio, assistenza di sicurezza, Peacekeeping, bonifiche umanitarie ed operazioni contro la droga.

IL BERRETTO VERDE:
Il Berretto Verde, inizialmente, era stato vietato dall'esercito degli Stati Uniti. Tuttavia, nel 1961 il presidente John F. Kennedy autorizzò il suo utilizzo per le Forze Speciali. Mentre si apprestava ad una visita del 12 ottobre al Special Warfare Center (Centro speciale della Guerra, letteralmente) a Fort Bragg (Carolina del Nord), il Presidente mandò una lettera al comandante del Centro, il Brigadiere Generale William P. Yarborough, dicendo che tutti i soldati delle Forze Speciali dovevano indossare il berretto verde, come parte dell'evento. Il Presidente sentiva che, visto che le forze speciali hanno una missione speciale, avrebbero dovuto avere qualcosa che li distinguesse dal resto delle Forze Armate. Nel 1962, chiamò il berretto verde un "simbolo di eccellenza, un distintivo di coraggio, un segno di distinzione nella lotta per la libertà"

ORGANIZZAZIONE:
Le Forze Speciali dell'Esercito Statunitense sono divise in 5 gruppi in servizio attivo. Ogni SFG (Special Forces Group) è focalizzato su una precisa area geografica d'interesse. I soldati delle forze speciali assegnati a questi gruppi ricevono un intenso addestramento sulle lingue e culture dei Paesi ricompresi all'interno della loro area di responsabilità.
Gruppi attivi
1° Gruppo Forze Speciali: il primo battaglione staziona a Okinawa, il secondo e il terzo a Fort Lewis, Washington. Il primo SFG è responsabile per il Pacifico, ma non fa parte del PACOM.
3° Gruppo Forze Speciali: staziona a Fort Bragg (Carolina del Nord). Il 3° SFG è responsabile per l’Africa Sub-Sahariana, tranne il Corno d’Africa. Non fa parte dell'AFRICOM.
5° Gruppo Forze Speciali: staziona a Fort Campbell, Kentucky. Il 5° SFG è responsabile per il Medio Oriente, il Golfo Persico, l'Asia Centrale ed il Corno d'Africa. Non fa parte del CENTCOM.
7° Gruppo Forze Speciali: staziona a Fort Bragg. Il 7° SFG è responsabile per l’America Latina e Centrale, oltre ai Caraibi (insieme al 20° SFG). Non fa parte del SOUTHCOM.
10° Gruppo Forze Speciali: staziona a Boeblingen, vicino Stoccarda, Germania; il secondo e terzo battaglione stazionano a Fort Carson, Colorado. È responsabile per l’Europa, i Balcani, la Turchia, il Libano, Israele ed il Nord Africa. Non fa parte di EUCOM.
19° Gruppo Forze Speciali: è uno dei due gruppi di Forze Speciali della Guardia Nazionale. Staziona a Draper, Utah con distaccamenti a Washington, West Virginia, Ohio, Rhode Island, Colorado e California. Il 19° è responsabile per il Sud-Est Asiatico (insieme al 5° SFG) e il Pacifico (insieme al 1° SFG).
20° Gruppo Forze Speciali: è il secondo gruppo di Forze Speciali della Guardia Nazionale; la sua area di competenza è simile a quella del 7° SFG.
Dal 2012 ad ogni gruppo dell'Esercito Regolare sarà aggiunto un battaglione, raggiungendo i quattro battaglioni per gruppo.
Gruppi inattivi
6° Gruppo Forze Speciali: attivo dal 1963 al 1971.
8° Gruppo Forze Speciali: attivo dal 1963 al 1972, responsabile per l’addestramento degli eserciti dell’America Latina in tattiche antinsurrezionali.
11° Gruppo Forze Speciali: attivo dal 1961 al 1992.
12° Gruppo Forze Speciali: attivo dal 1961 al 1992.

ADDESTRAMENTO E SELEZIONE:
Le nuove reclute maschili (tutte le Forze Speciali Statunitensi sono precluse alle donne, nei ruoli operativi) che hanno richiesto all'Esercito di unirsi alle Forze Speciali iniziano ad addestrarsi a Fort Benning, in Georgia. Questo consiste di un addestramento di base combinato di Fanteria di 14 settimane di durata. Dopo il suo completamento, i soldati devono frequentare un corso di tre settimane alla scuola Truppe Aerotrasportate prima di passare al corso di Preparazione Operazioni Speciali (SOPC), a Fort Bragg. Lo scopo del (SOPC) è preparare i candidati SF per la cosiddetta Fase 1, l' accertamento e selezione forze speciali (SFAS), una valutazione che dura 24 giorni. Al completamento di questa fase, le reclute ritornano alle loro unità precedenti e attendono di essere ammesse alla terza fase di formazione, il corso di qualificazione per le Forze Speciali (Q course).
Le reclute sono assegnate al 1° Gruppo Addestramento Special Warfare (Aerotrasportato) a Fort Bragg, per il quale è necessario partecipare a un corso di tattica per piccola unità di tre settimane. Questo corso è progettato per diffondere anche ai soldati non combattenti la professionalità tipica del militare delle Forze Speciali – (definiti dai Military Occupational Specialty (MOS)), con pattugliamento di base, orientamento e abilità boschive.
In seguito, le reclute di rango sottufficiali frequentano il Corso di base Sottufficiali presso Camp Mackall, prima di iniziare ufficialmente la Fase II, un periodo d’istruzione di cinque settimane in piccole unità tattiche. All’inizio del 2006, la Fase II fu estesa a includere un corso di tre settimane di sopravvivenza, evasione, resistenza e fuga – Survival, Evasion, Resistance and Escape (SERE)- immediatamente dopo aver seguito il completamento della fase piccole unità tattiche. Dopo la Fase II, le reclute cominciano poi la Fase III, all’interno di una delle cinque specialità forze speciali:
18A Sergente SF
18B sergente armiere SF
18C sergente guastatore SF
18D sergente medico SF
18E sergente comunicazioni SF
I corsi d'addestramento 18 A, C e E approssimativamente sono lunghi 26 settimane, il corso 18D è lungo 59 settimane. I diplomati che completano il corso Q del loro addestramento partecipano alla “Robin Sage”, un'esercitazione di guerra non convenzionale su larga scala (fase IV), ed una scuola di lingue (fase V), prima di essere assegnati in organico alle Forze Speciali.
Dopo aver completato con successo il corso di qualificazione Forze Speciali e guadagnato il Berretto Verde e la tag "SF", i soldati delle Forze Speciali possono poi frequentare molti corsi di formazione avanzati. Questi includono corso di lancio libero di paracadutismo militare, corsi di qualificazione al combattimento subacqueo, il corso Sniper forze speciali, corsi di tecniche avanzate per operazioni speciali, ricognizione avanzata per forze speciali, corso di tecniche di acquisizione e designazione bersagli. Inoltre i soldati delle Forze Speciali possono partecipare a corsi offerti dagli altri servizi e nazioni alleate per tutta la durata delle loro carriere.
Descrizione dei MOS delle Forze Speciali
18A ufficiale SF :
qualifica riservata agli ufficiali della durata di 24 settimane. Vengono impartite istruzioni sulla guerra non convenzionale, la pianificazione delle missioni e sulla logistica.
18B sergente armiere SF:
corso della durata di 24 settimane, che ha lo scopo istruire i relativi operatori sull’uso di un gran numero di armi leggere e di supporto che si possono incontrare nei vari teatri d’impiego, sia di produzione statunitense che estera.
18C sergente guastatore SF:
corso della durata di 24 settimane dedicato al maneggio degli esplosivi, alle tecniche di demolizione, rimozione mine ed ordigni esplosivi; apprendimento delle procedure del genio per la costruzione di ripari, ponti e fortificazioni.
18D sergente medico SF:
corso di medicina tattica che richiede circa un anno di formazione con una prima fase di 24 settimane, denominata Special Operations Combat Medic, dedicata alle tecniche di pronto soccorso e primo intervento, ed all’apprendimento di conoscenze di tipo para-medico che includono interventi chirurgici elementari, trattamento dei traumatizzati e procedure per la stabilizzazione dei feriti prima dell’evacuazione. In alcuni casi vi segue una fase avanzata, per l'ulteriore qualificazione tecnica del personale più esperto.
18E sergente comunicazioni SF
corso destinato agli specialisti nelle comunicazioni della durata di 32 settimane. Istruisce sulla tecniche che spaziano dal codice Morse alla gestione di reti informatiche.
18F sergente per assistenza operazioni e informazioni SF
18X candidato SF (possibile arruolamento)
18Z sergente operazioni SF
Nota: i candidati per la scuola SF possono arruolarsi direttamente nel 18X MOS, ed al completamento riuscito dei corsi di Addestramento base, di Fanteria AIT (Advanced Infantry Training), della Scuola Aerotrasportata, dello SFAS (Valutazione e Selezione Forze Speciali), sarà iscritto nel corso Q-qualificazione forze speciali, e sarà iscritto in uno degli altri MOS SF. Finché un "vero" MOS SF non viene assegnato, il candidato del 18X è considerato a tutti gli scopi un MOS 11B (soldato di fanteria).

COMPOSIZIONI DI UN TEAM A DELLE FORZE SPECIALI:
La Compagnia A delle Forze Speciali consiste di 6 distaccamenti operativi Alfa (ODAs), o "Squadra A", sebbene questo numero possa variare da compagnia a compagnia. Questi ODAs possono essere ulteriormente specializzati in molti campi: un esempio è il 3° battaglione, 20° Gruppo Forze Speciali, il quale mantiene un Distaccamento Alfa specializzato in operazioni antinarcotici (detto "CNODA" - Counter Narcotics ODA) a Camp Blanding, in Florida. Un ODA tipico è costituito da 12 uomini, ognuno dei quali ha uno specifico ruolo operativo all'interno della Squadra. Un ODA è guidato da uno specialista con MOS 18A, e solitamente prevede due uomini per ciascuna delle specialità operative SF (un operatore anziano ed uno meno esperto, affiancato al veterano).

STEMMA:


INSEGNA REGGIMENTALE DELLE FORZE:


VIDEO:
avatar
Ultimo

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 04.01.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum